Recensione: 'An ancient observer' di Tigran Hamasyan - Amici Del Vinile
Amici, Vinile, Musica, CD
22205
post-template-default,single,single-post,postid-22205,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.5.2,menu-animation-underline,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Recensione: ‘An ancient observer’ di Tigran Hamasyan

Nuova proposta di Tigran Hamasyan, uno tra i musicisti emergenti più interessanti, si intitola ‘An ancient observer‘ ed arriva a meno di due anni di distanza dall’eccellente ‘Mockroot‘.

Il pianista di origine armena addolcisce i toni, e dopo la sferzata di energia del precedente album,  ci regala dei brani più intimisti , come sempre una sapiente mescolanza di musica da camera, jazz e musica della tradizione popolare della sua terra.

La vena compositiva sembra leggermente affievolita.

Qui il video ufficiale di The Cave Of Rebirth

 

2 Comments
  • Stefano Colmagro

    giugno 24, 2017 at 8:47 pm Rispondi

    Ho finalmente ascoltato questo disco, visto che mi aveva colpito il brano che avevi proposto nella tua serata. Mi è piaciuto molto. Intimista, come dici, e con soluzioni interessanti tra melodia e invenzione. Una piacevole sorpresa. Grazie della segnalazione.

  • Stefano Colmagro

    giugno 24, 2017 at 9:39 pm Rispondi

    Finalmente ho ascoltato questo disco. Mi aveva incuriosito il brano che avevi presentato nella tua serata. Devo dire che mi è piaciuto. Intimista, come scrivi, con soluzioni intriganti tra melodia e invenzione. Bella scoperta. Grazie della segnalazione.

Post a Comment