R. I. P. Holger Czukay - Amici Del Vinile
Amici, Vinile, Musica, CD
22584
post-template-default,single,single-post,postid-22584,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.5.2,menu-animation-underline,side_area_uncovered,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

R. I. P. Holger Czukay

R. I. P. Holger Czukay

E così se n’è andato anche Holger Czukay. Non ne parleranno i telegiornali e neanche i siti d’informazione generale, ma vi assicuro che questo personaggio è stato davvero un grande, una personalità geniale nel mondo della musica, un uomo tanto schivo quanto talentuoso. Impossibile ripercorrerne la carriera in poche righe… basti solo ricordare che è stato il fondatore dei leggendari CAN, probabilmente il più importante collettivo rock della musica tedesca. Bassista e compositore fuori dagli schemi, non ha solo rivoluzionato il rock per come lo conosciamo, ma ha di fatto contribuito pesantemente a inventare un genere, il cosidetto kraut (per semplificare: una sorta di prog tedesco, con più importanza all’aspetto ritmico). Con lo strepitoso batterista Jaki Liebezeit ha formato una sezione ritmica unica per dinamismo, precisione e intesa. È anche stato produttore, ingegnere del suono, tra i primissimi a collaudare la tecnica del campionamento.

Numerose le sue collaborazioni, tra le quali si devono citare almeno quelle con David Sylvian e Brian Eno, grazie anche a brillanti intuizioni nel contesto della musica ambient, e persino una puntata commerciale con gli Eurythmics. Probabilmente però saranno soprattutto due (ed entrambi dei CAN) i dischi per cui verrà ricordato: il primo è Tago Mago del 1971 e il secondo è il seguente Ege Bamyasi del 1972, famosi per aver introdotto in modo originale la free form anche in Europa: avanguardia, libertà espressiva, perizia tecnica, senso del ritmo, psichedelia, noise… gruppi di importanza capitale quali Television, Talking Heads e Sonic Youth devono molto a queste registrazioni e a lui. Abitava negli studi di registrazione da lui fondati, ed è lì che, a 79 anni, è stato trovato morto.

Felice ritorno a casa Holger.

 

No Comments

Post a Comment